Svolta nel RussiaGate. Il presidente Usa, Donald Trump, sarebbe sotto investigazione da parte del procuratore speciale Robert Mueller che coordina l’inchiesta sulle interferenze della Russia sul voto americano dello scorso novembre.

Lo ha rivelato il Washington Post ipotizzando che l’inquilino della Casa Bianca potrebbe aver ostacolato la giustizia. La risposta dei legali di Trump non si è fatta attendere: “Fuga di notizie scandalosa e illegale”.

La domanda però è se un’indagine potrebbe essere solo l’inizio dei guai per Trump e sfociare a tendere in una procedura di impeachment. Procedura che metterebbe a rischio una delle presidenze che finora più si sono rivelate “amiche” delle Borse. Dal giorno della sua elezione, lo scorso 8 novembre, l’indice S&P500 della Borsa di New York ha guadagnato circa 12 punti percentuali, il Dow Jones oltre il 16% e il Nasdaq Composite quasi il 18%.

Per ora comunque i mercati finanziari non sembrano però sconvolti dalla notizia. Gli spreadbetter londinesi indicano per le Borse europee un’apertura in leggero territorio negativo.

Intanto ieri sera la Federal Reserve, la banca centrale Usa, ha rialzato i tassi d’interesse dello 0,25%, mantenendosi comunque, anche nel comunicato successivo alla decisione, su una traiettoria attesa dai mercati.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le più importanti storie in Gooruf