CHIUSURA AL RIALZO PER UBI BANCA – Dopo essere partita in calo come tutto il listino di Piazza Affari e aver segnato un minimo intraday a 3,454 euro, il titolo Ubi Banca scatta sul finale di giornata e passa di mano negli ultimi scambi sui 3,586 euro per azione (+1,88%), con oltre 15,6 milioni di pezzi scambiati nel corso dell’intera seduta.

CORRONO ANCHE I DIRITTI – In ripresa anche il diritto, che segna un +5,63% a 20,07 centesimi di euro l’uno, con quasi 48milioni di diritti scambiati finora. E’ infatti in corso l’aumento di capitale da 400 milioni di euro resosi necessario per riallinerare i coefficienti patrimoniali dopo l’acquisizione delle tre ex “good bank” Banca Etruria, Banca Marche e CariChieti poi ridenominate rispettivamente Banca Tirrenica, Banca Adriatica e Banca Teatina.

NUOVI MARCHI PER ISTITUTI IN CRISI – Un trend, quello della rinomi nazione di istituti che hanno avuto qualche problema nel recente passato, che secondo indiscrezioni verrà seguito anche nella vicenda Bpvi – Veneto Banca, che ancora attende un finale che ci si augura possa essere positivo grazie al coinvolgimento di istituti come Unicredit o Intesa Sanpaolo, così da ricevere il via libera alla successiva ricapitalizzazione precauzionale che veda anche l’intervento del Tesoro, in linea con la procedura varata per Mps.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le più importanti storie in Gooruf