Per chi non ha provveduto entro gennaio a chiedere l’esenzione dal Canone Rai può ancora fare la richiesta per il secondo semestre 2017, spedendo la domanda entro il 30 giugno. La scadenza per l’esenzione annuale è 31 gennaio 2017, e va presentata ogni anno. Per chi non è riuscita a fare la richiesta può presentarla entro il 30 giugno ma solo per il secondo semestre.

La scadenza per l’esenzione annuale era il 31 gennaio: chi è arrivato tardi si è visto addebitare sulla bolletta elettrica le prime rate da 9 euro (se la bolletta è bimestrale da febbraio, addebiti da 18 euro di canone TV e via dicendo). I contribuenti che non hanno un televisore nella loro abitazione, hanno diritto all’esenzione.

Per chi si è dimenticato entro tale data e volesse rimediare evitando di pagare il canone in bolletta, sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile il modulo preparato da compilare per evitare di pagare il canone Rai in bolletta, ossia la Dichiarazione Sostitutiva relativa al Canone di Abbonamento alla Televisione per Uso Privato. Si ricorda che l’obbligo di presentare la dichiarazione di esenzione ogni anno riguarda solo i contribuenti che non posseggono il televisore. Per chi invece è esente per il fatto che il canone RAI viene già pagato su un’altra utenza, e ha già presentato il modulo lo scorso anno non devono ripresentarlo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le più importanti storie in Gooruf