Non si sono fatte attendere le indicazioni degli analisti su Salvatore Ferragamo dopo la diffusione dei risultati trimestrali.

Exane ha tagliato da 25 euro a 24 euro il target price sulla società del lusso, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il biennio 2016/2017; tuttavia, gli esperti hanno confermato il giudizio “Outperform” (farà meglio del mercato).

Sulla stessa lunghezza d’onda UBS, che ha tagliato da 18,4 euro a 17,6 euro il prezzo obiettivo sull’azienda, confermando l’indicazione di vendita delle azioni. Indicazione simile da Equita sim che ha limato da 23,5 euro a 22,9 euro il target price su Salvatore Ferragamo, confermando l’indicazione  di vendita delle azioni.

Bocciatura completa da Bryan Garnier, che ha sforbiciato da 24,8 euro a 23,8 euro per azione la valutazione sulla società del lusso, segnalando che i risultati trimestrali sono stati peggiori delle attese; gli esperti hanno anche peggiorato da “Buy” (acquistare) a “Neutrale”.

Banca Akros, invece, ha peggiorato da “Accumulate” a “Neutrale” il giudizio sull’azienda, in seguito al taglio delle stime finanziarie per l’esercizio in corso; gli esperti hanno fissato un prezzo obiettivo di 22,6 euro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le più importanti storie in Gooruf

Articoli Simili