mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeNewsAumento doppio pensioni nel 2024: rivalutazione e riforma Irpef alle porte

Aumento doppio pensioni nel 2024: rivalutazione e riforma Irpef alle porte

Pensioni 2024: nel corso del 2024, i pensionati italiani possono attendersi significativi miglioramenti nelle loro entrate previdenziali grazie all’implementazione di due importanti misure: la rivalutazione degli assegni pensionistici legata all’adeguamento degli importi all’inflazione e la riforma delle aliquote Irpef, una componente chiave della prossima legge di bilancio.

Rivalutazione pensioni 2024: cifre e date

L’1 gennaio 2024 segnerà l’inizio di un’importante fase di rivalutazione degli assegni pensionistici. Il decreto firmato dal ministro dell’Economia Giorgetti e dalla ministra del Lavoro Calderone prevede un adeguamento del +5,4% all’inflazione. La misura completa sarà applicata alle pensioni pari o inferiori a 4 volte il minimo (2.272,96 euro). Per i trattamenti più elevati, la percentuale di incremento sarà graduale.

Per rendere più tangibili gli effetti, consideriamo i numeri. Una pensione di 1.000 euro lordi registrerà un aumento mensile di 54 euro, mentre per un assegno di 2.000 euro l’incremento sarà di 108 euro al mese. L’INPS ha già comunicato che gli incrementi saranno erogati a partire dal 3 gennaio, senza previsioni di ritardi.

La riforma dell’Irpef in approvazione

Allo stesso tempo, un altro significativo contributo all’aumento delle pensioni proviene dalla riforma delle aliquote Irpef, attualmente in fase di approvazione. La proposta prevede una transizione da 4 a 3 aliquote, offrendo un beneficio fiscale massimo di 260 euro all’anno.

I dettagli dell’impatto fiscale sono interessanti. Chi ha un reddito di 25mila euro otterrà un vantaggio fiscale di 200 euro all’anno, mentre per chi supera i 28mila euro il beneficio salirà a 260 euro. Tuttavia, coloro con un reddito superiore a 50mila euro vedranno un taglio lineare alle detrazioni da 260 euro, neutralizzando gli effetti della riforma. D’altro canto, i lavoratori con reddito sotto i 15mila euro potrebbero beneficiare di un aumento delle detrazioni dei redditi da lavoro, da 1.880 euro a 1.955 euro.

Pagamento pensioni gennaio 2024: data unica

Passando al lato pratico, il primo pagamento delle pensioni nel 2024 è fissato per il 3 gennaio, un giorno unico per l’accredito INPS attraverso Poste Italiane e le banche. Il ritiro in contanti presso gli uffici postali segue un calendario alfabetico stabilito da ogni singola sede.

L’INPS, nel comunicato relativo al cedolino di gennaio 2024, non ha segnalato ritardi nell’erogazione degli aumenti, a differenza di quanto accaduto lo scorso anno per i trattamenti superiori a 4 volte il minimo. Salvo imprevisti dell’ultima ora, gli incrementi scatteranno già dal prossimo mese per tutti i pensionati, dando il via a un anno promettente.

In conclusione, il 2024 si prospetta come un periodo di auspicate migliorie per i pensionati italiani. L’aumento doppio, derivante dalla rivalutazione degli assegni pensionistici e dalla riforma Irpef, non solo si materializzerà dal prossimo mese ma promette di lasciare un impatto positivo duraturo sulle finanze dei beneficiari.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments